Antibiotici: aumentano le reazioni avverse

Il consumo di antibiotici, anche nei casi in cui non è necessario, comporta l’aumento del verificarsi di reazioni avverse al farmaco. A confermarlo sono Agenzia italiana del farmaco (Aifa)  e l’Istituto superiore di sanità (Iss) che, insieme al Ministero della Salute, hanno avviato una campagna per l’uso responsabile degli antibiotici.

Nel 2009 il numero totale di reazioni avverse agli antibiotici è stato pari a 1643, contro le 1303 del 2008. Nel 2009 il numero maggiore di segnalazioni si è avuto per le penicilline (637) e gli antibatterici chinolonici (317). Nel 2008 invece il numero totale di adr da antibiotici è stato di 1303 e ha costituito l’11,2% delle reazioni avverse presenti nella Rete Nazionale di Farmacovigilanza dell’Aifa.

Le maggiori segnalazioni le hanno raccolte, anche in questo caso, le penicilline (506), seguite da macrolidi e lincosamidi (142), cefalosporine (225) e chinoloni (291). Tra il 2002 e il 2009 sono state segnalate complessivamente 8833 sospette reazioni avverse. Sul podio degli antibiotici più segnalati c’è al primo posto l’amoxicillina + acido clavulanico con 1423 reazioni, tra cui 501 gravi e 8 decessi, seguita al secondo posto dalla levofloxacina, con 859 reazioni, di cui 289 gravi e 5 decessi, e al terzo posto dal ceftriaxone con 626 reazioni, tra cui 352 gravi e 22 decessi.

Poco più della metà del totale delle reazioni gravi ha interessato persone tra i 18 e 64 anni (50,8%), seguite dal 39,1% dagli over 65. Nel complesso la popolazione più giovane (0-17 anni) ha registrato 279 segnalazioni di sospette reazioni gravi, pari al 10,5% del totale delle segnalazioni gravi, e la più alta concentrazione, pari al 5,3%, c’è stata tra i 2 e gli 11 anni.

La campagna di comunicazione dell’Aifa “Antibiotici. Difendi la tua difesa. Usali con cautela”, giunta alla sua terza edizione, ha l’obiettivo di informare i cittadini dell’importanza di ricorrere agli antibiotici solo quando necessario e dietro prescrizione del medico che ne accerti l’effettiva utilità, di non interrompere mai la terapia prima dei tempi indicati dal medico (o, comunque, solo dietro suo consiglio) e di non assumere antibiotici per curare infezioni virali.

Secondo quanto riferisce l’Aifa, gran parte del ricorso agli antibiotici, circa l’80-90%, avviene nell’ambito della medicina generale e tra le prime cause di prescrizione vi sono le malattie delle prime vie aeree causate frequentemente da virus su cui gli antibiotici non hanno alcuna efficacia.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su