Colera: quasi 2500 vittime in Africa

L’Africa centrale e occidentale sta registrando una delle peggiori epidemie di colera,  per le dimensioni e la pericolosità dei focolai, nella sua storia:  2.466 morti segnalati quest’anno su un totale di oltre 85 mila casi. L’Organizzazione mondiale della sanità ha precisato che cinque Paesi (Ghana, Repubblica Democratica del Congo, Nigeria, Camerun e Ciad) registrano circa il 90% del totale di casi e di decessi provocati dall’epidemia.

Il tasso di mortalità – compreso tra il 2,3% e il 4,7% – è  in accettabilmente alto e può raggiungere picchi molto alte in alcuni distretti. In Camerun, ad esempio, va dall’1% al 22%. Particolarmente vulnerabili al colera sono i bambini poiché si disidratano più velocemente. Ad essere a rischio sono soprattutto i bambini malnutriti.

L’Unicef sta fornendo aiuti, sia con kit di assistenza, sia con campagne di sensibilizzazione per la comunità in materia di igiene ed indagini epidemiologiche. In questa emergenza le autorità, con maggior coordinamento fra i distretti, possono svolgere un ruolo fondamentale per salvare molte vite umane.

L’Unicef esorta i governi a coordinare la risposta non solo all’interno dei propri confini, ma assicurando una stretta collaborazione con i Paesi vicini.  La migliore misura contro il colera – malattia infettiva diarroica acuta causata dal batterio Vibrio cholerae – è l’igiene ed in particolare l’accesso ad acqua pulita e servizi igienici.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su