Diabete: la prevenzione inizia a tavola

Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata da un eccesso di zuccheri (glucosio) nel sangue, nota come iperglicemia. Si divide in due forme principali: il diabete di tipo 1 ed il diabete di tipo 2. Secondo l’International Diabetes Federation, sono 425 milioni le persone che vivono oggi con il diabete. Un numero che potrebbe arrivare a 629 milioni entro il 2045.

Eppure, con poche semplici azioni si potrebbe abbattere il rischio diabete e prevenire oltre il 50% dei casi di diabete di tipo 2. A ribadirlo è la Società italiana di diabetologia (Sid) in occasione della Giornata mondiale del diabete che si celebra il 14 novembre e che quest’anno ha come tema “Diabete: proteggi la tua famiglia”, per sottolineare il ruolo centrale che la famiglia ha nell’assistenza, e non solo, della persona con diabete.

“Il tema di quest’anno – spiega il presidente Sid Francesco Purrello – è l’importanza che può avere la famiglia rispetto alla comparsa e alla gestione della malattia. La SID ha deciso di mettere a fuoco in particolare il ruolo della famiglia nelle scelte alimentari. Soprattutto nel caso del diabete, si può dire che la salute inizia a tavola, visto lo stretto legame tra quantità, composizione della dieta e comparsa del diabete tipo 2, molto spesso dovuto proprio ad errori nell’alimentazione”.

Insieme all’attività fisica, l’alimentazione è l’altro cardine della prevenzione: “per questo è importante continuare a parlarne, soprattutto alle famiglie, vera culla della prevenzione”. Come sottolineano gli esperti, il 70% delle morti premature “è in gran parte legato ad un errato stile di vita dagli anni dell’adolescenza in poi”.

“L’alimentazione – spiega Giorgio Sesti, presidente della Fondazione Diabete e Ricerca – è una delle pietre miliari nella prevenzione e nel trattamento del diabete tipo 2. Essa ha come obiettivo non solo il miglioramento del controllo glicemico e degli altri fattori di rischio cardio-metabolici, ma anche la riduzione delle malattie cardiovascolari”.

La dieta ideale per la prevenzione e il trattamento delle persone con diabete prevede una alimentazione ricca di fibre (da ortaggi, frutta, cereali non raffinati) e povera di grassi animali, mentre le fonti di carboidrati da preferire sono cereali integrali, frutta, legumi e vegetali. Inoltre, un’introduzione moderata di alcol, fino a 10 grammi al giorno nella donna e 20 grammi al giorno nell’uomo, è accettabile, tranne che nei soggetti obesi o con elevati valori di trigliceridi. Gli esperti aggiungo che non ci sono invece prove scientifiche dell’utilità di somministrare alle persone con diabete supplementi vitaminici e anche l’uso di alimenti ‘dietetici’ per diabetici non è supportato da evidenze scientifiche.

“La Dieta mediterranea, basata sull’introito di alimenti ricchi di fibre, provenienti da ortaggi, frutta e cereali non raffinati e povera di grassi di origine animale, è stata ampiamente studiata dimostrando i suoi benefici sia sul controllo del diabete sia sul rischio cardiovascolare”, conclude Sesti.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su