Droga: aumentano in Europa i decessi per cocaina

Aumentano in Europa le morti legate al consumo di cocaina; in particolare in Spagna, dove si registra un incremento molto marcato, e nel Regno Unito, dove i decessi sono raddoppiati. Questo uno dei dati più preoccupanti emersi dalla Relazione annuale 2010 dell’Agenzia europea delle droghe (Oedt) presentata oggi a Roma.

14 milioni sono i cittadini europei (tra i 15 ed i 64 anni) che hanno provato la cocaina nella loro vita; di questi 4 milioni l’hanno consumata nell’ultimo anno. La droga più diffusa resta la cannabis con 75,5 milioni di europei che l’hanno provata almeno una volta nel corso della loro vita. Di questi circa 23 milioni ne hanno fatto uso nell’ultimo anno e circa 4 milioni la consumano quotidianamente o quasi.

L’Italia spicca tra i Paesi in cui il consumo di cocaina è maggiore, insieme a Regno Unito, Irlanda, Danimarca e Spagna.

Al di là delle cifre, è preoccupante anche il fatto che i cittadini europei tendano a sottovalutare le conseguenze del consumo di “polvere bianca”. Come spiega il direttore dell’Oedt Wolfgang Gotz, “troppi europei considerano ancora il consumo di cocaina come un accessorio relativamente innocuo di uno stile di vita di successo. Tuttavia stiamo osservando progressivamente che, con l’aumento di consumo di cocaina, cresce il suo impatto sulla salute pubblica. Dobbiamo comunicare non solo che il consumo di questa sostanza può aumentare pesantemente e con rapidità, ma anche che può causare decessi, persino quando l’assunzione è occasionale e le dosi basse”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su