Elettrosensibilità: il caso di una donna inglese allergica all’elettricità

Immaginate di vivere senza luce, cellulare, televisione, internet ed elettricità. Immaginate, insomma, di rinunciare a tutti i comfort tecnologici che ci circondano per condurre una vita d’altri tempi. Qualcuno, oggi, sceglie una simile esistenza consapevolmente, ma non è questo il caso di Janice Tunnicliffe.

Questa signora britannica di 55 anni è infatti affetta da una condizione rarissima, chiamata ‘elettrosensibilità’. In pratica la donna è allergica ai campi elettromagnetici rilasciati da tutti gli apparecchi elettrici. La donna, madre di due figli e sopravvissuta a un cancro, sta male in presenza della tecnologia, che le provoca mal di testa, dolori al petto, nausea, formicolii a gambe e braccia. Soltanto nei weekend, quanto va in campagna, “si rilassa un attimo”.

Janice non puo guardare la tv, non può ascoltare la radio, navigare sul web o usare il cellulare. La sua casa è diversa da quelle moderne di oggi e appare più simile a una casa del Medioevo: non c’è il frigorifero, il congelatore o il computer. La donna trascorre le serate a lume di candela, giocando a scarabeo o a scacchi.

Come raccontano diversi quotidiani britannici, il malessere di Janice Tunnicliffe è cominciato dopo un ciclo di chemioterapia a cui la donna si è dovuta sottoporre circa tre anni fa. Il trattamento le ha lasciato in eredità questa rara condizione chiamata elettrosensibilità. I campi elettromagnetici, innescati da apparecchi in funzione, possono provocare reazioni anche gravi.

La donna è venuta a conoscenza dell’elettrosensibilità tramite internet e con gli anni ha imparato da sola a gestire la sua condizione: lamenta, infatti, di non aver mai trovato ascolto nei medici. Il servizio sanitario britannico si è rifiutato di pagarle il trattamento in un ospedale privato specializzato. Secondo la maggior parte dei medici in Gran Bretagna, l’elettrosensibilità è infatti considerata un disturbo psicosomatico. Secondo Powerwatch, un’organizzazione di ricerca sugli effetti dei campi elettromagnetici, il 3-4% della popolazione può avere una qualche reazione ‘allergica’ alla tecnologia, ma soltanto pochi al livello di Mrs Tunnicliffe.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su