Liste d’attesa offlimits ed errori medici: le denunce degli italiani

Liste d’attesa off limits, errori terapeutici e diagnostici (in crescita soprattutto per i malati di tumore), infezioni ospedaliere e mancanza di informazioni sulle prestazioni assistenziali. A fotografare i servizi sanitari nel nostro Paese è il Rapporto Pit Salute 2010, ‘Diritti: non solo sulla carta’, presentato ieri al Senato da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato.

Fino a 340 giorni per un’ecografia all’addome, circa 220 per una tac, un anno per un intervento di chirurgia generale e 18 mesi per uno di ortopedia. La violazione del diritto al tempo rappresenta in media il 10% delle segnalazioni ricevute dal Tribunale per i diritti del malato dal 1996 al 2009, con un incremento notevole negli ultimi anni: nel 2009 si attesta al 15%.

Nell’ambito delle visite specialistiche con i ritardi più rilevanti, al primo posto si trovano l’oncologia e l’odontoiatria. “Ci allarma avere la sensazione che il tumore possa attendere”, si legge nel Rapporto. Tra gli altri ambiti di specializzazione compaiono la ginecologia e l’ostetricia, dove le segnalazioni sui ritardi sono più che triplicate in un anno, “segno che le future mamme sono impossibilitate ad accedere in tempi utili a visite di controllo presso il Servizio pubblico e sono costrette a rivolgersi, come ormai risaputo, a professionisti privati”. Infine, per ottenere il riconoscimento di un’invalidità civile e di un handicap, gli italiani devono aspettare oltre un anno, a fronte dei 9 mesi previsti dalla normativa.

Nel rapporto di Cittadinanzattiva emerge inoltre che 74 segnalazioni su 100 riguardano errori, suddivisi in terapeutici (49,5%) e diagnostici (24,5%). Tra i presunti errori terapeutici, al primo posto ci sono quelli dell’area ortopedica, seguiti dall’oncologia e dall’odontoiatria. Le sospette errate diagnosi, invece, si concentrano nell’oncologia, con il 38,6% delle segnalazioni.

“Nonostante leggi, linee guida, raccomandazioni e tanti altri strumenti per migliorare la nostra sanità, ci spiace constatare che spesso la gran parte di essi resta sulla carta”, afferma Francesca Moccia, coordinatrice nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva. “Succede per gli errori medici, le infezioni ospedaliere, le liste di attesa, ma anche per diritti basilari come quello di avere accesso alla propria documentazione clinica o di essere rispettati nella propria dignità”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su