Madre depressa? A rischio il sonno dei bambini

La depressione della madre può ripercuotersi sulla qualità del sonno dei neonati. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Child Development e condotto presso la Pennsylvania State University.

“Abbiamo scoperto che le madri con alti livelli di sintomi depressivi sono più propense a preoccuparsi eccessivamente per i loro bambini di notte, che non le madri con bassi livelli di sintomi, e che queste madri erano più propense a ricercare i loro bambini durante la notte e trascorrere più tempo con loro che non le madri con bassi livelli dei sintomi – ha spiegato il principale autore dello studio, professor Douglas M. Teti, direttore associato del Social Science Research Institute – Questo a sua volta è stato associato a un aumento della veglia notturna nei neonati di madri depresse, rispetto ai neonati di madri non-depresse.

Fatto particolarmente interessante è che quando le madri depresse cercano i loro bambini durante la notte, i loro bambini non sembrano avere bisogno dell’aiuto dei genitori. Erano profondamente addormentati, o forse svegli, ma non angosciati”.

Le donne depresse, infatti, per placare la loro ansia e la loro inquietudine sono quelle più propense a sorvegliare e disturbare continuamente il sonno dei loro figli. Eppure, se i bambini non riposano come dovrebbero rischiano di sviluppare problemi del comportamento emotivo e avere un cattivo rendimento scolastico.

Ecco perché è fondamentale intervenire per ridurre l’ansia nella madre, per aumentare la consapevolezza del problema, per trasmettere l’ educazione sull’importanza del sonno nei neonati e bambini e per ridurre preoccupazioni e sintomi depressivo-ansiosi in modo da non compromettere la qualità del sonno dei piccoli e le relative conseguenze.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su