Rosmarino e origano: dalle spezie un aiuto naturale contro il diabete

Il rosmarino e l’origano possono rappresentare dei rimedi naturali contro il diabete. I ricercatori del dipartimento di scienze nutrizionali dell’università dell’Illinois hanno scoperto infatti che queste spezie sono ricche di composti in grado di combattere il diabete di tipo II senza l’uso dei farmaci.

Spezie e diabete

“I polifenoli e i flavonoidi contenuti in queste spezie sono in grado di inibire alcuni enzimi, chiamati PTP1B e DPP-IV, che giocano un ruolo chiave nella secrezione dell’insulina – spiega Elvira Gonzalez de Mejia, autrice dello studio pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry – “Se le spezie fresche , coltivate in serra, contengono in partenza più polifenoli e flavonoidi, ciò non ha influenzato la concentrazione necessaria per inibire gli enzimi. Gli estratti secchi commerciali quindi sono risultati più efficaci, anche se sono necessari ulteriori studi per capire il ruolo di questi ingredienti nell’organismo umano”.

I ricercatori hanno testato quattro diverse erbe, sia nelle versioni fresche coltivate in serra che essiccate (come si possono trovare comunemente nei negozi), per verificare la loro capacità di interferire con un enzima collegato al diabete, l’obiettivo di un farmaco per la malattia.

I risultati dell’analisi e dei test hanno mostrato che le erbe coltivate in vivaio contenevano più polifenoli e flavonoidi rispetto alle equivalenti erbe secche commerciali. Questo fattore, tuttavia, non ha influenzato la concentrazione necessaria per inibire l’enzima.

Tra i diversi tipi di spezie, gli estratti commerciali di origano greco, origano messicano e rosmarino si sono dimostrati i migliori inibitori dell’enzima.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su