USA: campagna choc contro il fumo

Un’immagine, si dice, vale più di mille parole. Di conseguenza i fumatori abituali che quasi non fanno caso alle avvertenze sui pacchetti di sigarette (come “il fumo uccide” o “il fumo danneggia gravemente te e chi ti sta intorno”), non potranno restare indifferenti di fronte ad una fotografia che mostra gli effetti del fumo. Da questa convinzione nasce la campagna lanciata in America dalla Food and Drug Administration contro il tabagismo.

Un cadavere in una bara, una bocca con i denti rovinati dalla nicotina, una lastra di polmoni anneriti dal catrame, una madre che fuma mentre allatta il proprio bimbo… Queste alcune delle immagini che presto compariranno sui pacchetti di sigarette venduti negli Stati Uniti.

Secondo i dati ufficiali, negli States, l’uso di prodotti da tabacco provoca 443mila morti l’anno. Un comportamento a rischio che costituisce ancora la prima causa evitabile di morte prematura.
I fumatori in Usa sono 46 milioni e un quinto di loro sono liceali.

“Con questa decisione stiamo compiendo un passo fondamentale nella lotta al fumo, un vizio che causa negli Usa enormi danni alla salute dei cittadini”, ha spiegato Margaret Hamburg, direttrice della Fda.

La nuova normativa ha suscitato la protesta di alcune aziende del tabacco che hanno annunciato il ricorso in sede giudiziaria.

I media americani reputano la nuova regolamentazione anti-fumo come la più energica degli ultimi 25 anni e alcune di queste foto scioccanti sono comparse sulla prima pagina del New York Times.
Con questa nuova strategia le autorità americane sperano di ripetere l’esperienza del Canada, dove una campagna di questo tipo ha determinato un sensibile calo dei consumi di sigarette.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su